confindustria

Marco Gambardella eletto Presidente dei Giovani Imprenditori salernitani

Gambardella: “L’emergenza Coronavirus ha segnato la vita delle nostre aziende. Da giovani imprenditori dobbiamo impegnarci per trasformare la crisi in opportunità puntando sulla digitalizzazione, investendo nell’economia green e promuovendo uno sviluppo sostenibile della manifattura, del turismo e di tutti i settori strategici per l’economia del nostro territorio.”

Giovedì 30 Luglio 2020, nella sede associativa di Via Madonna di Fatima, ha avuto luogo l’Assemblea degli iscritti al Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno che ha eletto il nuovo Presidente e i componenti del Consiglio Direttivo che lo affiancherà nel corso del mandato per i prossimi tre anni. Alla presidenza è stato eletto Marco Gambardella* (Direttore vendite della Bioplast S.R.L, Fisciano).

Il nuovo Consiglio Direttivo è così composto:

Annalaura Brillante, Blu Plast Srl; Fabrizio Citro, Industria Grafica Fg; Maria D’amico, D&D Italia Spa; Serena De Luca, Karma S.R.L.; Ivano Pecora, Orakom Srl; Francesco Petrosino, Condor Spa; Marco Rinaldi, Riba Sud S.R.L.; Valentina Sada, Antonio Sada & Figli S.P.A.; Gerardo Salzano, Pomilia Spa; Nicola Savino, Savino Solution S.R.L.

Marco Gambardella e il presidente uscente Pasquale Sessa

 

“L’emergenza Coronavirus ha segnato la vita delle nostre aziende e avrà conseguenze a lungo termine in termini di PIL, investimenti e posti di lavoro. – ha sottolineato il neo Presidente del Gruppo Giovani Marco Gambardella. Quello che noi giovani imprenditori dobbiamo fare è impegnarci per trasformare la crisi in opportunità puntando sulla digitalizzazione, investendo nell’economia green e promuovendo uno sviluppo sostenibile della manifattura, del turismo e di tutti i settori strategici per l’economia del nostro territorio. Nei prossimi mesi, abbiamo l’opportunità di rendere le nostre aziende più moderne, più inclusive e più verdi.”

“Il percorso ormai concluso alla guida del Gruppo Giovani di Confindustria Salerno – ha dichiarato il Past President Pasquale Sessa –  si è rivelata un’esperienza straordinaria sia sul versante umano, che sul piano della crescita personale, tanto da portarmi alla recente elezione alla Vice Presidenza dei Giovani Imprenditori di Confindustria. In questi anni, insieme con gli amici che mi hanno supportato, abbiamo messo in campo numerose iniziative tra cui, mi piace ricordare, l’ultima realizzata con la Fondazione Comunità salernitana che ci ha consentito di finanziare 7 progetti finalizzati a favorire percorsi di inserimento lavorativo per disabili; nonché i progetti messi in piedi con le scuole, attraverso i quali abbiamo favorito l’incontro tra il mondo dell’istruzione e le necessità formative delle aziende.”

Pmi Day 2017, uno speciale dibattito sulla contraffazione dei brand

Bioplast ha ospitato, questa mattina, l’Istituto “Focaccia” di Salerno nell’ambito dell’ottava Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese, promossa dalla Piccola Industria di Confindustria finalizzata ad accrescere la consapevolezza sulla forza e sul ruolo delle PMI, vero motore di sviluppo economico e sociale del Paese.

«Anche quest’anno abbiamo avuto il piacere di ospitare gli studenti salernitani per il Pmi Day – dice Gerardo Gambardella, numero uno della Bioplast – dedicando un particolare focus sulla “lotta alla contraffazione” grazie alla partecipazione del giornalista Salvatore De Napoli che ha rappresentato la filiera dell’illecito dall’ideatore, ai diversi produttori, passando per i distributori sino ai consumatori finali».

La Giornata è cominciata con la presentazione aziendale curata da Susy Gambardella, responsabile finanziaria e amministrativa Bioplast, per poi visionare gli spot dell’Uibm del Ministero dello Sviluppo Economico per il contrasto alla contraffazione. Un’ora di dibattito è stata dedicata a sviscerare le modalità di contraffazione e la filiera dell’illecito commerciale dai “pomodori San Marzano” falsi sino ai tabacchi, al fenomeno dell’italian sounding, all’abbigliamento griffato.

 

Salvatore De Napoli, giornalista

«Con gli studenti si è convenuto che il “corretto” non solo è giusto ma è conveniente – evidenzia Salvatore De Napoli – come è emerso dalla discussione è necessario un cambio di cultura per evitare quella filosofia imperante del disinteresse per le sorti della propria comunità procurato dal centralismo del proprio “io”». «Insomma meno io e più noi» conclude De Napoli.

«E’ tema importante di cui parlare con le nuove generazioni spiega Gerardo Gambardella, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Salerno –  in Italia, il fatturato del falso è quantificato in circa 7 miliardi di Euro, un dato impressionante che evidenzia come la contraffazione rappresenti a tutti gli effetti un settore economico parallelo a quelli ufficiali con implicazioni ad alti costi sul sistema economico nel suo complesso, sulla competitività del Made in Italy, sulla sicurezza e l’ordine pubblico, sul mercato del lavoro, sul gettito erariale e sulle finanze statali, sulle capacità dell’Italia di attrarre investimenti, soprattutto nei settori più innovativi sulla cultura e sulla legalità in generale». «Siamo convinti – prosegue Gambardella – che occorre diffondere una cultura della legalità fin dalle scuole affinchè generino individui consapevoli e capaci di contrastare tutte le forme di criminalità».

Il patron di Bioplast confermato alla vicepresidenza di Confindustria Salerno

Gerardo Gambardella è stato confermato nel board di comando guidato dal nuovo presidente di Confindustria Salerno Andrea Prete.

Prete è stato proclamato durante la cerimonia d’insediamento lo scorso venerdì presso la sede degli industriali salernitani, alla presenza del presidente nazionale Vincenzo Boccia. Il numero uno di Bioplast ha ricevuto le deleghe di mandato per Cgs, Enel, Sviluppi, e Piccole e medie imprese.

«Esprimo i migliori auguri al presidente Prete – ha affermato Gambardella – e sono certo che saprà guidare in maniera eccellente l’associazione con grande abilità e determinazione per un percorso di cambiamento e di sensibilizzazione verso le Istituzioni sempre con l’intento di difendere le imprese e i loro progetti di sviluppo» conclude il presidente della Piccola Industria Salerno, Gerardo Gambardella.

Confindustria Salerno consegna il premio “Best Practices per l’innovazione” alla nuova pellicola digitalizzata

Arriva un nuovo premio per Bioplast per l’innovazione tecnologica sugli imballaggi flessibili. Confindustria Salerno ha assegnato all’azienda campana, nel corso della X edizione dell’Open Innovation,  il premio “Best Practices per l’Innovazione 2016” sezione web, dopo che il progetto “StelthCode” è stato attentamente valutato e votato da una giuria popolare che ha espresso le sue preferenze attraverso una pagina web dedicata al premio.

Il progetto, ormai in avanzata fase di sperimentazione con un noto brand del settore food, suscita curiosità e dunque tanta attenzione. La possibilità di linkare i consumatori direttamente al produttore attraverso una scansione con il proprio smartphone della confezione, crea nuovo valore per i brand owner. La fidelizzazione con i propri clienti e la possibilità di dialogare con loro informandoli e facendoli partecipare alla vita del prodotto che comprano, rafforza il rapporto tra venditore ed acquirente.

 

Scopri di più sul progetto e chiedi un incontro al team manager

Susy Gambardella entra nel Consiglio della Camera di Commercio di Salerno

Grande soddisfazione nella famiglia Bioplast per la nomina di Susy Gambardella (CFO, Bioplast) quale membro del Consiglio della Camera di Commercio di Salerno. La trentunenne nocerina è tra i trentatré consiglieri camerali in rappresentanza della Confindustria Salerno. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, con un decreto regionale ha nominato i delegati delle organizzazioni datoriali e, dopo l’elezione per acclamazione, lo scorso 8 ottobre è stato riconfermato alla presidenza dell’ente camerale anche Andrea Prete. «E’ la prima volta che in consiglio camerale siedono così tante donne – annuncia Susy Gambardella – questo a dimostrazione che l’impegno femminile nel mondo delle donne può portare finalmente quel rinnovamento atteso e sperato per porre delle inversioni di tendenza e rendere realmente questi Enti a servizio delle imprese».